sabato 2 novembre 2013

[ LA LINEA D'OMBRA ] ...di ognuno di noi...



Ci sono giornate di sole,
di mare calmo, di vele gonfie.
La nostra nave sembra volare sul mare,
veloce e sicura.

Ci sono giorni di monsone,
di mare agitato, di vele abbassate.
La nostra nave ferma nel porto.


Sono momenti preziosi quelli dell'attesa,
avvolti dalla nebbia dei perchè.
Momenti che regalano una preziosa opportunità:
ridisegnare la nostra rotta.


Questo post è dedicato a Michelle, 
 cara amica australiana
che ha iniziato un viaggio molto molto speciale...








A Lei 
e alla linea d'ombra in ognuno di noi,
dedico questa canzone 

"La linea d'ombra"
di Lorenzo Jovanotti Cherubini

Ascoltala QUI


La linea d'ombra 
la nebbia che io vedo a me davanti 
per la prima volta nella vita mia mi trovo 
a saper quello che lascio e a non saper immaginar quello che trovo 
mi offrono un incarico di responsabilità 
portare questa nave verso una rotta che nessuno sa 
è la mia età a mezz'aria 
in questa condizione di stabilità precaria
 ipnotizzato dalle pale di un ventilatore sul soffitto 
mi giro e mi rigiro sul mio letto 
mi muovo col passo pesante
in questa stanza umida di un porto che non ricordo il nome 
il fondo del caffè confonde il dove e il come 
e per la prima volta so cos'è la nostalgia la commozione 
nel mio bagaglio panni sporchi di navigazione
 per ogni strappo un porto
per ogni porto in testa una canzone 
è dolce stare in mare quando son gli altri a far la direzione 
senza preoccupazione
soltanto fare ciò che c'è da fare 
e cullati dall'onda notturna sognare la mamma, il mare.







Mi offrono un incarico di responsabilità 
mi hanno detto che una nave ha bisogno di un comandante 
mi hanno detto che la paga è interessante
e che il carico è segreto ed importante 
il pensiero della responsabilità si è fatto grosso
è come dover saltare al di là di un fosso 
che mi divide dai tempi spensierati di un passato che è passato 
saltare verso il tempo indefinito dell'essere adulto 
di fronte a me la nebbia mi nasconde la risposta alla mia paura 
cosa sarò, dove mi condurrà la mia natura? 




La faccia di mio padre prende forma sullo specchio
lui giovane io vecchio 
le sue parole che rimbombano dentro al mio orecchio 
"la vita non è facile ci vuole sacrificio
un giorno te ne accorgerai e mi dirai se ho ragione" 
arriva il giorno in cui bisogna prendere una decisione
 E adesso è questo giorno di monsone
col vento che non ha una direzione 
guardando il cielo un senso di oppressione 
ma è la mia età
dove si sa come si era e non si sa dove si va, cosa si sarà 
che responsabilità si hanno nei confronti degli esseri umani che ti vivono accanto 
e attraverso questo vetro vedo il mondo come una scacchiera 
dove ogni mossa che io faccio può cambiare la partita intera 
ed ho paura di essere mangiato
ed ho paura pure di mangiare 
mi perdo nelle letture,
i libri dello zen ed il vangelo, l'astrologia che mi racconta il cielo 
galleggio alla ricerca di un me stesso con il quale poter dialogare 
ma questa linea d'ombra non me la fa incontrare.


Mi offrono un incarico di responsabilità 
non so cos'è il coraggio
se prendere e mollare tutto
se scegliere la fuga 
od affrontare questa realtà
difficile da interpretare ma bella da esplorare 
provare a immaginare cosa sarò
quando avrò attraversato il mare 
portato questo carico importante a destinazione 
dove sarò al riparo dal prossimo monsone
mi offrono un incarico di responsabilità 
domani andrò giù al porto e gli dirò che sono pronto a partire 
getterò i bagagli in mare
studierò le carte 
e aspetterò di sapere per dove si parte quando si parte

 e quando passerà il monsone dirò:
levate l'ancora 
diritta 
avanti tutta 
questa è la rotta
questa è la direzione
questa è la decisione.
 

Testo integrale da "La linea d'ombra"
di Lorenzo Jovanotti Cherubini

Ascoltala QUI


***


Abbi cura di te


Leggi anche questo post


***


Ecco un interessante intervento di 

PAOLO GIORDANO"Attraversare la linea d’ombra"
al Festival della Mente di Sarzana 2013

Ascoltalo  QUI  


***


LA LINEA D'OMBRA 

di Joseph Conrad 

  download AUDIOLIBRO 

 QUI (formato mp3)


***
Rivolgi il viso verso il sole e le ombre cadranno dietro di te

Proverbio Maori


20 commenti:

  1. È sempre una grande emozione qui da te! Buon fine settimana cara !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariù! E la tua visita ed i tuoi commenti lo sono per me!
      Un grande abbraccio

      Elimina
  2. Mentre leggevo questa tuo post, nel grigiume autunnale sono apparsi dei caldi raggi di sole che mi hanno illuminata...loro fuori, tu dentro ;-)
    e i segni continuano.... Grazie di cuore cara Mug
    StefiB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...i segni... adoro seguire i segnali... come in una infinita caccia di a quel tesoro... che siamo NOI!
      Grazie a TE Stefi per esserci SEMPRE!
      Un grande abbraccio

      Elimina
  3. Un bellissimo ed emozionante post... Grazie!!
    Maria Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a TE Maria Grazia per essere passata a trovarmi!
      A presto!

      Elimina
  4. I tuoi post.... Sono sempre così poetici, grazie Mug.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona per il tuo commento!
      Un grande abbraccio

      Elimina
  5. oh mug. ma perchè sai spesso cosa penso, e cosa provo? mi viene l'ambizione di pensare che alcuni siano pensieri universali, e mi sento meno sola <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah Mommi! Non credo proprio di avere queste doti paranormali!
      ...siamo tutti meravigliosamente umani, con le nostre affinità emotive... condividerle e trovarle nei pensieri altrui ci aiuta ad aggiungere un pezzettino al nostro puzzle...
      Grazie per il tuo commento!
      Un grande abbraccio

      Elimina
  6. ...un caro augurio alla tua amica Michelle...che la sua nave possa attraversare indenne il mare in tempesta...con la vicinanza di un'amica speciale come te non si sentirà sola in mare aperto...
    Simona.

    RispondiElimina
  7. Cara Barbara, non so come sono capitata da te, ma sei un dono inaspettato che mi ha riempito il cuore {come mi succede con tutte le belle persone che la vita mi regala}!
    Per un'appassionata di calligrafia come me, leggere il tuo post sul fungo calamaio e poi questo con la canzone di Jovanotti e quella pagina in bella calligrafia…e poi il pennino fatto con la lattina di coca-cola è stato emozionante. {ti confesso però che non condivido con te la passione per il ferro da stiro, anche se ora so di saper stirare bene una camicia ;-)}
    Ti seguirò con interesse e attenzione.
    A presto, un abbraccio
    Cecilia K

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a TE Cecilia per essere passata a trovarmi!
      Torna quando vuoi, sarai sempre benvenuta!
      Un grande abbraccio

      Elimina
  8. Grazie dalla Bibi, nella linea d'ombra.

    RispondiElimina
  9. Ciao Barbara, bellissimo questo post, pieno di poesia e di dolcezza, ti seguo con piacere!
    Un bacione, Pam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pamela, sono felice di averti fra le mie followers!
      Buona settimana!

      Elimina
  10. Cara Barbara, grazie, di vero cuore per essere passata nel mio blog perché così ti ho scoperta. Ti ho messo nella blog roll per cui...non ti perdo di vista. Grazie per tutti i link che hai messo in questo post: preziosissimi !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido con piacere nel blog link e pensieri che mi hanno fatto riflettere o sorridere!
      Grazie per le tue visite Cristina!

      Elimina

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!