venerdì 23 marzo 2012

[ s c r i v e r e ..... a ..... m a n o ]

" ...e tu scrivimi scrivimi se ti viene la voglia
e raccontami quello che fai
se cammini nel mattino o ti addormenti di sera
 e se dormi che dormi che sogni che fai"

***
testo tratto da 
 " Natale " (1978)
di  Francesco De Gregori 
***

***
Manoscritto autentico del 1843, carta filigranata "Regio Biglietto"   [ Photo@BarbaraMugnai ]


" Scrivimi,
quando il vento avrà spogliato gli alberi
ma tu vuoi restare solo, 
poca voglia di parlare allora
scrivimi,
servirà a sentirti meno fragile...
[... ]
E se non avrai da dire niente di particolare
non ti devi preoccupare, 
io saprò capire 
[... ]
ci vuole poco 
per sentirsi più vicini "

***
testo tratto da 
 "Scrivimi" (1990)
di  Nino Bonocore
*** 

Manoscritto autentico del Luglio 1820 [ Photo@BarbaraMugnai ]


"Caro amico ti scrivo 
così mi distraggo un po'
e siccome sei molto lontano 
più forte ti scriverò
....
vedi caro amico
cosa ti scrivo e ti dico
e come sono contento 
di essere qui in questo momento..."

***
testo tratto da 
 "L'anno che verrà" (1990)
di  Lucio Dalla
***  



Manoscritto autentico del 1840  [ Photo@BarbaraMugnai ]

"Venite pure avanti, voi con il naso corto, 
signori imbellettati, io più non vi sopporto,
Infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio 
perchè con questa spada vi uccido quando voglio...
[ .... ]

... e quando sento il peso d' essere sempre solo
mi chiudo in casa e scrivo e scrivendo mi consolo...
[ .... ]
perché Rossana bella, siamo così diversi,
  a parlarle non riesco: 
le scriverò dei versi,
le parlerò coi versi..."

***
testo tratto da 
"Cyrano" (1996)
di Francesco Guccini  
*** 


Lettera manoscritta del 1870  [ Photo@BarbaraMugnai ]

"...E scrivere d'amore,
e scrivere d'amore
anche se si fa ridere
anche quando la guardi,
anche mentre la perdi
quello che conta è scrivere;
e non aver paura
non aver mai paura
di essere ridicoli;
solo chi non ha scritto mai
lettere d'amore
fa veramente ridere"
 
***
testo tratto da 
 " Lettere d'amore " (1978)
di  Roberto Vecchioni
***


Lettera manoscritta originale del 1840  [ Photo@BarbaraMugnai ]


Scrivere una lettera a mano è un gesto ricco di fascino.
Da tempo dimenticato.  
Richiede consapevolezza, attenzione e cura.
Tempo. Silenzio. Attesa.
Della risposta.
 

Ti è venuta voglia di scrivere una lettera a mano?
Alla Mug. Ad un'amica. Ad un amore.
Ad una mamma. Ad un figlio. A un professore.



"Quello che conta è scrivere
e non aver paura di essere ridicoli"


E allora...
Prendi carta e penna e comincia.
Adesso!



Mug,
felice di scrivere lettere.  A mano.
desiderosa di ricevere lettere. Scritte a mano.

6 commenti:

  1. Che bello questo post, ha sapore di atavico, di storia, ha sapore di sentimenti... e confesso che l'idea di scrivere e ricevere lettere a mano è davvero bella, ha un qualcosa di strettamente confidenziale...
    Sereno fin settimana, hermanita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Hermanito! E detto da te che sei un intenditore di storia e di scrittura mi lusinga.. ^____^ Che questo abbraccio ti arrivi oltreoceano!
      Mugita

      Elimina
  2. Questi manoscritti sono fantastici!Proprio ieri ho recuperato degli inchiostri e un pennino regalatomi anni fa, ma che difficile scriverci! Però che scrittura meravigliosa ne viene fuori!
    Quando ero ragazza si scrivevano ancora le lettere, le conservo ancora tutte!
    Buon week end
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scrittura con il pennino affascina tanto anche me.. Ho un libro di calligrafia che non ho ancora "studiato" ma voglio farlo presto!
      Buona settimana Mari!
      Mug

      Elimina
  3. Ciao Mug, che bello... profumo di pagine antiche, conservate in uno scrigno chiuso a chiave in un cassettone, profumo di vecchie emozioni che ancora ti lasciano senza respiro, brethless. E poi scrivere, prendere la penna in mano e infilarsi dentro un sogno per lasciarsi andare, con la consapevolezza che chi leggera' saprà sentire le tue emozioni senza nulla tralasciare. E poi leggere, infilarsi nelle mutande di un altro, sentir battere il suo cuore tutun tutun. E far battere il cuore all'unisono. Il cuore e' un muscolo e come tale va fatto lavorare. Leggere potrebbe salvare il mondo, ma tanti non lo sanno. E scrivere salva noi stessi. Grazie Mug, stanotte mi rimetterò a scrivere. Anche se ora ho un I pad nuovo di zecca e di penne non ne vuol sentir parlare.... Notte Mug, un bacio anche a tutti i tuoi amici che, come me, condividono la gioia di leggerti. La Bibi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Bibi, perchè ogni volta che scrivi mi viene la pelle d'oca, anzi la pelliccia di mohair sulle braccia!?! Adoro il tuo modo di scrivere. Insuperabile. Unica. Un piacere leggere i tuoi commenti!
      Un abbraccio e un sorriso
      Mug

      Elimina

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!