lunedì 1 dicembre 2014

[ CREA IL TUO DIARIO ] ..con un micro-pensiero al giorno!


Ricordo ancora quelle parole
"Fai una piccola cosa OGNI GIORNO
piuttosto che una grande cosa ogni tanto"

E così, da qualche mese 
ho deciso di inserire un altro gesto 
nella mia routine quotidiana
(oltre al saluto al sole: guarda il VIDEO!)

Scrivere un MICRO PENSIERO nel mio diario...
Ogni giorno!


Si è rivelato un esercizio molto utile 
per favorire l'equilibrio interiore e,
 al tempo stesso, semplice e divertente!

Provalo anche tu!









Scegli un quaderno, una moleskine, un DIARIO.
Quale? 
Quello che piace a TE!
Io? 
Ho scelto  QUESTO
Nero e quadrato.





Prendi un penna, un pennino, un pennarello
con la forma della punta e la dimensione che più ti piace. 
Il colore?
Quello che vuoi TU!
Io ho deciso 
 di scrivere con un pennarello
perchè adoro scorrere fluidamente sul foglio
ed ho scelto il coloro nero 
per avere un contrasto netto fra le parole e la pagina.







Cosa devi fare?

Ritagliarti UN MINUTO AL GIORNO!
Sì, hai capito bene!
Basta UN SOLO MINUTO AL GIORNO 
per avere cura di sè!

Quando?
Quando VUOI TU!

Al mattino al risveglio o mentre fai colazione, 
alla sera prima di coricarti o quando sei già sotto le lenzuola,
durante la giornata mentre sei in sala d'attesa dal dentista 
o in cucina, mentre aspetti che la pasta sia cotta...

OGNI MOMENTO E' PERFETTO 
PER SCRIVERE ED ESPRIMERE!

Nota:
ESPRIMERE deriva dal latino EX-PRIMERE
lett. "fare uscire premendo"









Cosa scrivi sul diario?

Io inizio scrivendo la data del giorno.

Puoi utilizzare il carattere che preferisci,
nella dimensione che IN QUEL MOMENTO
ti è più gradita 
e puoi collacarla DOVE VUOI TU!
Sperimenta e divertiti, 
non censurare alcuna iniziativa! 








E poi?
Volta pagina ed inizia a SCRIVERE 
QUALUNQUE COSA
 quello che ti passa per la testa!
Sì, hai capito bene.
QUALUNQUE COSA! 






Apri il rubinetto e fai fluire i pensieri
attraverso la tua mano...
Diventa la tua mano!
In quel momento tu sei solo un MEZZO.
Scrivi come se nessuno ti stesse guardando o giudicando.
Dai ai tuoi pensieri più intimi
 la possibilità di affiorare
come da una sorgente in profondità,
preziosa e priva di giudizio.


PERMETTITI 
di scrivere 
QUALUNQUE COSA!
 Concediti di EX-PRIMERE ciò che hai dentro!
Solo così sarai davvero TU
e questo diario davvero TUO.




Nota:
Questa tecnica espressiva è anche nota come







Divertiti!
Questo  DIARIO è TUO!
Questo diario
è il TUO scrigno segreto
è la TUA stanza dei giochi
è il TUO momento di silenzio
è il TUO angolo della rabbia
è il TUO spazio della gioia
è il TUO momento del perdono
è il TUO cassetto dei ricordi
è la TUA finestra per guardare lontano

 è la TUA isola dove sognare ad occhi chiusi

Questo diario è TUO. Solo TUO.

Lascialo accadere,
OGNI GIORNO!





1.
Lascia che la tua anima si esprima.
 
2.
Falle spazio.

3.
 Scrivi senza censura.

4.
Dai voce al tuo sentire.

5.
Non giudicare i tuoi pensieri.
 6.
 Regala all'anima UN MINUTO del tuo tempo.
  

OGNI GIORNO.


ABBI CURA DI TE.
SEI TUTTO CIO' CHE HAI.

Buona settimana!





 ***

...lo sai che semplicemente aggiungendo 
un apostrofo ed un accendo
puoi trasformare un pensiero?


Non ci credi?
Guarda il VIDEO

e...

Addio senso del dovere!

^__________^








***



Lascio che i pensieri si succedano sotto la penna 
nello stesso ordine in cui i temi 
si sono presentati alla mia riflessione: 
così potranno rappresentare meglio 
i moti e il cammino della mia mente.

D. Diderot

lunedì 10 novembre 2014

[ SIAMO ] ...circondati dalla bellezza...


A volte (anzi spesso) mi chiedo 
cosa ho fatto per meritarmi 
di vivere circondata da tanta bellezza.

Non è merito mio essere nata in Italia,
uno dei paesi più belli al mondo. 

Avrei potuto avere un destino diverso.
Nascere in qualunque altro emisfero o continente
magari in un paese meno fortunato del mio,
circondata da povertà, guerra e distruzione.











Invece sono QUI.
 In pace.
Cammino nelle vigne.
Mi nutro di luce e di colori,
inebriata dal giallo abbagliante delle foglie 
e dall'azzurro schietto del cielo.












Sono QUI,
con il cuore gonfio di GRATITUDINE,
 mentre i filari giocano a rincorrersi
fra le colline.











Sono QUI.
Immersa in uno spettacolo di rara bellezza
dove anche il respiro si gonfia di stupore.











Sono QUI
circondata da una Natura generosa,
mentre la mente si ferma e
sospende ogni giudizio.









Il bello è OVUNQUE. 

Lo ascolto.
Lo osservo.
Lo ringrazio.







Ed è proprio QUI,
davanti a questo dono del Cielo,
che sento un carico di grande responsabilità.











Essere testimone e custode 
di tanta meraviglia,
portatrice sana di stupore,
ambasciatrice di rispetto e gratitudine.

Per quello che c'è.









A me, a noi,

non resta che RINGRAZIARE il Cielo 
OGNI GIORNO  
per aver ricevuto tutto questo in dono

e continuare a SCEGLIERE 
di tutelare "il bello"
come un atto di profondo coraggio,

consapevoli che 

solo nutrendoci di BELLEZZA 
possiamo trasformare ogni nostro respiro 
in un gesto virtuoso.


Solo avendo CURA di noi stessi  
potremo fare della nostra Vita
un atto di meraviglia.


Solo AMANDO il territorio in cui viviamo
potremo diventare orgogliosi 
di un Paese unico al mondo.







Il NOSTRO.

L' ITALIA.
  



***



[ L'anima è un carro alato e la bellezza fa volare ]
Platone
(Dialogo fra Socrate e Fedro,  370 a.c.)



***

Passeggia insieme a me fra i vigneti delle Langhe!
 Guarda il video QUI

^_____________^





***


Vuoi organizzare un week-end in Piemonte e nelle Langhe?

Ecco il sito che fa per te!

www.winepass.it





lunedì 13 ottobre 2014

[ UNA CUP SONG PER IL MEYER ] ... gioca e dona anche tu! ...



Ricordate il ritmo travolgente della CUP SONG?
[ video tutorial qui ]

Basta un bicchiere, 
un po' di allenamento ed il gioco è fatto!
  

Questa volta ho bisogno di TE
per diffondere un ritmo davvero speciale,
il ritmo della solidarietà con


UNA CUP SONG PER IL MEYER !


Partecipa anche TU
 alla campagna di raccolta fondi 
 dal 1 al 31 OTTOBRE 2014 

con l'Associazione Onlus dell'Ospedale Pediatrico di Firenze

NOI PER VOI PER IL MEYER
 per la ricerca sui tumori ossei infantili


Come?





E' semplicissimo e divertente!

Guarda QUI!





1)

Registra la tua Cup Song 
al ritmo di "Baciami Piccina"


 2)
 Pubblica il video sui Social Network


3)
 DONA  5 euro  per il MEYER
 Come? E' semplicissimo!
Clicca QUI 


***

Aiutami a diffondere il ritmo della solidarietà!
Il tuo piccolo contributo
può fare una grande differenza! 


  GRAZIE



***
Il mio video? Eccolo!




 Buona Settimana!


***



Prendi alla leggera ciò che ritieni importante

prendi seriamente ciò che ritieni insignificante

Nobeshima Mitsushige

lunedì 29 settembre 2014

{ ...MA COSA DIAVOLO E' L'ACQUA? } ...insegnare a pensare...


 " Ci sono due giovani pesci che nuotano uno vicino all’altro 
ed incontrano un pesce più anziano che, nuotando in direzione opposta, 
fa loro un cenno di saluto e poi dice:
“Buongiorno ragazzi. Com’è l’acqua?”. 
I due giovani pesci continuano a nuotare per un po’e poi uno dei due guarda l’altro e gli chiede:
“...ma cosa diavolo è l’acqua? "



 
iPhoto©BarbaraMugnai




Lasciatemi esaminare il più diffuso stereotipo nei discorsi fatti a questo tipo di cerimonie (di laurea, ndr),
 ossia  che la vostra educazione umanistica non consista tanto “nel fornirvi delle conoscenze”,
quanto “nell’insegnarvi a pensare”.
 



iPhoto©BarbaraMugnai



 [...]
Vent’anni dopo essermi laureato, 
sono riuscito lentamente a capire che lo stereotipo dell’educazione umanistica che vi “insegna a pensare” 
è in realtà solo un modo sintetico per esprimere un’idea molto più significativa e profonda: 
“imparare a pensare” vuol dire in effetti 
imparare a esercitare un qualche controllo su COME e COSA pensi. 

Significa anche essere abbastanza consapevoli e coscienti 
per SCEGLIERE a cosa prestare attenzione e COME dare un senso all’esperienza.  

Perché, se non potrete esercitare questo tipo di scelta nella vostra vita adulta, allora sarete veramente nei guai. 




iPhoto©BarbaraMugnai



Se sarete abbastanza coscienti da darvi la possibilità di scegliere, 
VOI potrete scegliere di guardare in un altro modo. 
  [...]
Dipende da COSA volete considerare. 
Se imparerete realmente a concentrarvi, 
allora saprete che ci sono altre opzioni possibili. 
[...]
 La sola cosa che è Vera con la V maiuscola 
è che sta a VOI decidere di vederlo o meno.

Questa, credo, sia la libertà data da una vera educazione:
di poter imparare ad essere “ben adattati”. 





iPhoto©BarbaraMugnai




La libertà del tipo più importante richiede 
attenzione, consapevolezza e disciplina [...]
Questa è la vera LIBERTA'.
Questo è essere istruiti e capire COME si pensa.

L’alternativa è l’incoscienza, la configurazione di base, 
la corsa al successo, il senso costante e lancinante 
di aver avuto e perso, qualcosa di infinito.
  



iPhoto©BarbaraMugnai



Niente di questa roba è sulla morale o la religione o il dogma ..
È sul VALORE REALE di una vera istruzione, 
che non ha quasi nulla a che spartire con la conoscenza 
e molto a che fare con la semplice CONSAPEVOLEZZA 
di cosa è REALE ed ESSENZIALE, ben nascosto,
ma in piena vista davanti a noi, 
in OGNI MOMENTO.
Per cui non dobbiamo smettere di ricordarci più e più volte: 

“Questa è acqua, questa è acqua.”





iPhoto©BarbaraMugnai




È straordinariamente difficile da fare,
rimanere coscienti e consapevoli nel mondo adulto, 
in ogni momento. 

 [...]

La vostra educazione è realmente un lavoro che dura tutta la Vita. 

E comincia ora.


***


David Foster Wallace

Discorso ai laureati del Kenyon College di Gambier, Ohio (2005)


Ascolta QUI  il discorso originale 






***


Grazie a  

TORINO SPIRITUALITA'

Paolo Tibaldi 

per avermi fatto conoscere questo brano






*** 


Questo post 
è dedicato ai tutti miei studenti, 
passati, presenti e futuri
e all'inizio di questo 
Nuovo Anno Accademico.

Buon Lavoro!



Prof.ssa Barbara Mugnai

 Docente di Drappeggio e Tecniche di Sartoria
presso

Fashion Institute of Technology NY in Milan
Politecnico di Milano - Dip. Design della Moda
 



***



Ti è piaciuto questo post? Condividilo!